PLaNCK!: nasce il primo giornale di scienza per le scuole


OggiScienza

planck1CRONACA – In un momento in cui i giornali di scienza sono sempre  più in difficoltà, fa piacere osservare la nascita di  piccole iniziative che cercano di aprirsi un varco e costruirsi un proprio mercato attraverso strategie editoriali nuove. Una di queste formule innovative, che ha cominciato a prendere forma nelle aule universitarie dell’Ateneo Patavino, si chiama PLaNCK! un magazine di scienza di cadenza quadrimestrale pensato per gli alunni della scuola primaria, la prima rivista di scienza bilingue italiano-inglese, la cui prima uscita è prevista per gennaio 2014. Ma conosciamo meglio questa iniziativa dalle parole di due delle fondatrici: Marta Carli e Agnese Sonato, rispettivamente classe 1985 e 1986 ed entrambe scienziate dei materiali.

Partiamo da voi: chi siete e come è nata la vostra iniziativa?

Siamo un  gruppo di giovani eterogeneo per formazione, dai 24 ai 30 anni e con la passione della scienza. Alcuni di noi sono laureati…

View original post 800 altre parole

Autour du film « L’EXPERIENCE BLOCHER » de Jean-Stéphane Bron (3)


Ajoutez votre grain de sel personnel… (facultatif)

Carrefour est-ouest, le blog de Gérard Delaloye

Le film de Bron sort la semaine prochaine (mercredi 30 octobre) dans les salles de Suisse romande. Cela fait plus de vingt ans que le phénomène Blocher me passionne, tant il est en rupture avec la tradition politique suisse. Curieusement cette aspiration à la rupture est surtout une spécificité de l’extrême droite. J’ai fait allusion dans le post précédent à la tentation germanique (wilhelminienne plus précisément) d’Ulrich Wille, général commandant en chef de l’armée suisse pendant la première guerre mondiale. Il faudrait compléter l’analyse en parlant de l’aristocrate fribourgeois Gonzague de Reynold (1880-1970), écrivain politique séduit par le salazarisme qui, à la veille et au début de la deuxième guerre mondiale eut une forte influence sur le Conseil fédéral, en particulier sur Philipp Etter, et n’avait qu’une idée en tête : renverser les institutions démocratiques et instituer un État corporatiste. J’ai analysé ces divers aspects de la droite helvétique dans Aux…

View original post 4.025 altre parole

Tira una brutta aria


OggiScienza

StampaAMBIENTE – Aeroporto, scuole e autostrade chiusi per smog. È successo a Harbin, un città di oltre 11 milioni di abitanti nel nord est della Cina, paralizzata da una densa cappa di smog che per giorni ha reso l’aria irrespirabile e ridotto la visibilità a soli 10 metri. La concentrazione di polveri sottili ha raggiunto livelli superiori ai 900 microgrammi per metro cubo, circa 40 volte la soglia fissata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità

View original post 175 altre parole

Il coraggio della non violenza


E' solo un blog

Incontro con i rappresentanti dei Comitati di resistenza nonviolenta in Palestina:

Kafr Qaddom

“I coloni israeliani non ci rubano solo la terra, ma pure il nome del villaggio, la dignità e la vita.”

a capo

a capo

Intervista con: Samir Shtaiwi e Murad Shtaiwi, rispettivamente sindaco e coordinatore dei comitati di resistenza nonviolenta in Palestina, dal villaggio di Kafr Qaddom.

Kafr Qaddum è il villaggio palestinese nella Cisgiordania settentrionale, a 13 chilometri a ovest di Nablus e 17 chilometri a est di Qalqilya, da anni sta lottando per la possibilità di accesso alla strada principale che porta gli abitanti a Nablus.
La strada attraversa da sempre i terreni agricoli palestinesi e congiunge il vicino villaggio di Jit (1 km e mezzo) e ovviamente la città palestinese più vicina ed importante Nablus (13 km), ma è stata chiusa dall’esercito israeliano per la crescita di un insediamento di coloni: Qaddumim e…

View original post 599 altre parole

Pure al meglio non c’è mai fine . Massimo Pini ” degnamente onorato” con il suo nome su una strada.


La “SCOPERTURA DELLA TARGA TOPONOMASTICA”  delle 11.00 precederà l’aperitivo delle 11.15….

  •  Avevamo  pubblicato sul numero di ottobre della rivista Tre Valli il testo che trovate in  La smemoratezza della Politica. Spiegavamo  perché aver “celebrato” Massimo Pini dimenticandosi di parlare dei suoi quattro anni come sindaco di Biasca, per evitare di dire qualcosa sul  trattamento che gli era stato riservato,  fosse la massima dimostrazione di ipocrisia e di cinismo da parte della “politica”  e di qualcuno in particolare.
  • Oggi apprendiamo che il Municipio di Biasca, ha deciso di dedicargli una strada , insieme al padre Aleardo. Una strada che già era dedicata alla famiglia Pini. Dunque, dovremmo pensare che chi oggi dirige il Comune di Biasca sia stato folgorato sulla via di Damasco da una visione , che lo ha portato a proporre una novella forma di espiazione collettiva per i peccati passati di alcuni :  ricordare  ai cittadini biaschesi ,  quotidianamente,  che Massimo Pini era figlio di Aleardo Pini.  Bene!
  • Ci possiamo quindi aspettare che alla cerimonia inaugurale  del 23 novembre ( durante  i “discorsi commemorativi” ) qualcuno voglia raccontare come e perché il sindaco di Biasca Massimo Pini fu defenestrato nel 1996 impedendogli di ricandidarsi. Non è mai troppo tardi per riparare agli errori, nemmeno per la politica.
  • Faremo in modo per parte nostra di diffondere la notizia, registrando i discorsi che potremo ascoltare e intervistando gli oratori ( sempre che ce lo vogliano  concedere… ) . Siamo pronti a sorprenderci , confidando che il detto “al peggio non c’é mai fine” sia finalmente smentito, in modo da poterlo attribuire solo alla malignità di Satana.

aleardo

“Oggi tuttavia non si può soltanto piangere. È tempo di imparare qualcosa.”


Testo della corrispondenza di Tina Merlin il giorno dopo la tragedia del Vajont

a66e1-tina2520merlin

Questo testo, scritto a caldo il giorno dopo da Tina Merlin , è un documento straordinario . Le parole conclusive “Oggi tuttavia non si può soltanto piangere. È tempo di imparare qualcosa.” ci trasmettono una grande lezione. La domanda oggi è : che cosa bisognava imparare da quel genocidio, che ancora non abbiamo imparato ?

È stato un genocidio. Lo gridano i pochi sopravvissuti, resi folli dal terrore della valanga d’acqua e dalla disperazione di trovarsi soli e impotenti a superare una realtà tragica, fatta oramai di nulla, o meglio fatta di sassi e melma amalgamati dal sangue dei loro cari. Una realtà che ha sconvolto all’improvviso la fisionomia di intieri paesi, ma che era purtroppo prevedibile da anni, da quando ancora all’inizio dei lavori del grande invaso idroelettrico del Vajont i tecnici sapevano di costruire su terreno argilloso e franabile, che perciò potevano portare alla catastrofe.

Genocidio quindi, da gridare ad alta voce a tutti, affinché il grido scuota le coscienze del popolo e il popolo, la cui pelle non conta mai niente di fronte ai dividenti dei padroni del vapore, spazzi via alfine con un’ondata di collera e di sdegno chi gioca impunemente, a sangue freddo, con la vita di migliaia di creature umane, allo scopo di accrescere i propri profitti e il proprio potere.

Che qualcuno, se ne ha il coraggio, mi smentisca in questo momento. Io assumo la responsabilità di quanto dico; i colpevoli si assumano la responsabilità di quanto hanno fatto. E la giustizia giudichi.

Affermo che si sono responsabilità morali e materiali. Ho seguito la vicenda dell’invaso del Vajont con passione non solo da giornalista, ma di figlia di questo popolo contadino e montanaro che si ribella alla retorica delle «virtù tradizionali» che mal nasconde il cinismo dello sfruttamento più spietato. Con questo cuore ho seguito tutte le vicissitudini, le resistenze, le paure dei montanari di Erto contro la «Sade», non per impedirle di costruire il grande bacino idroelettrico del Vajont, ma per impedire di compiere un delitto. L’intuito e l’esperienza di quei montanari, confortati peraltro da pareri di grandi geologi, indicavano la Valle del Vajont non adatta a reggere la pressione di 160 milioni di metri-cubi d’acqua. La realtà ha dimostrato la ragione dei montanari, non quella dei tecnici della «Sade».

La società elettrica sapeva che le pareti dell’invaso erano formate dal terreno di una enorme frana caduta centinaia di anni fa, sulla quale è sorto in seguito il paese di Erto. Sapeva che il Monte Toc era esso stesso parte di quella frana e che era prevedibile che l’acqua immessa nel bacino dovesse erodere piano piano il sottosuolo e provocare disastri. Quattro anni fa, quando è stata esperimentata la resistenza del bacino, grosse fenditure avevano segnato le case di S. Martino e delle altre frazioni di Erto alle pendici del Toc. Esse piano piano si estesero a ridosso del monte, facendo nascere la paura tra gli abitanti di Erto. Costoro si appellarono inutilmente ad ogni autorità possibile dando veste giuridica ad un largo comitato unitario che lottò per anni nel tentativo di opporsi alla costruzione dell’invaso, sorretto anche dall’autorevole parere tecnico del geologo prof. Gortani, contrario in pieno alla perizia del geologo della «Sade», prof. Dal Piaz. Il prof. Gortani riteneva, infatti, pazzesco costruire il bacino su un terreno tanto inadatto come quello di Erto. Il comitato inoltrò ricorsi. Organizzò petizioni e pubbliche proteste. Interessò autorità governative e amministratori locali. Presso qualcuna di queste autorità la voce del comitato venne accolta. Il Consiglio provinciale, in data 15 febbraio 1961, votava all’unanimità un ordine del giorno per chiedere la revoca di ogni concessione alla «Sade» per inadempienze di legge. In esso si faceva preciso riferimento alla situazione del Vajont chiedendo l’approntamento tempestivo di tutte le misure di sicurezza per garantire la incolumità di quelle popolazioni. Fu una presa di posizione che restò senza risposta. Cosa sarebbe successo se il monte fosse franato nel lago al massimo della sua capienza?

Io mi feci portavoce di quei montanari e scrissi per «l’Unità» un articolo, indicando quello che sarebbe potuto accadere e che oggi è accaduto così come esattamente lo avevo descritto. La pubblica autorità mi accusò di propagare notizie false e tendenziose atte a turbare l’ordine pubblico. L’autorità giudiziaria mi incriminò di reato, senza peraltro recarsi sul posto per accertare la verità. Venni processato a Milano assieme al direttore responsabile dell’«Unità».

A Milano si offersero generosamente di venire a testimoniare tanti abitanti di Erto che mi ebbero vicina nelle loro proteste, nelle loro pubbliche manifestazioni, nel sostenere la lotta; cosa che non fecero tanti parlamentari governativi e non governativi di allora, malgrado fossero stati ufficialmente invitati ad intervenire dalla popolazione. Io e il compagno onorevole Bettiol, che rappresentavamo il Partito comunista, fummo solo e sempre gli unici a sostenere attivamente le ragioni dei montanari di Erto. Essi mi difesero energicamente davanti ai giudici del Tribunale di Milano e dimostrarono, con prove e testimonianze, non solo che io avevo scritto la verità, ma che tutto il paese si trovava in pericolo e che, assieme ad Erto, anche i paesi del Longaronese correvano rischi.

I giudici mi assolsero, ma le autorità che dovevano tener conto dei fatti e impedire un possibile massacro, diedero invece via libera alla «Sade» per i suoi esperimenti criminosi. Fatti, oltretutto, con i miliardi del popolo italiano, i tanti miliardi che il governo diede alla «Sade» a fondo perduto per la costruzione del lago artificiale e che, magari, ora stanno al sicuro oltre frontiera. Miliardi rubati al popolo, col consenso delle autorità di governo. Quelle stessa autorità che gestendo oggi gli impianti idroelettrici, e sapendo che da circa un mese la situazione del Vajont peggiorava, non hanno provveduto a scongiurare la immane sciagura che si è abbattuta stanotte sul Bellunese, creando un cimitero su una vasta zona popolata.

Sto scrivendo queste righe col cuore stretto dai rimorsi per non aver fatto di più per indurre il popolo di queste terre a ribellarsi alla minaccia mortale che ora è diventata una tragica realtà. Oggi tuttavia non si può soltanto piangere. È tempo di imparare qualcosa.

 

Say no!


Imparare a dire no ed a spiegare perché è necessario: tanto semplice quanto difficile se siamo in pochi a farlo, troppo facile quando sai che la maggioranza ti segue, comprese tutte le speci di opportunisti. Segnaliamo questo post de laragazzacoltacco12…rotto per la sua chiarezza e invitiamo a sostenere l’idea.

laragazzacoltacco12...rotto

Cari amici e amiche,

Di solito scrivo in maniera ironica e per far ridere ma oggi ho deciso di scrivere per dire NO!

Alcuni di voi lo sanno, altri no, ma la sottoscritta, oltre ad essere una gran testina di minchia e a criticare vestiti, stile e uomini, sarebbe anche, teoricamente una persona seria!

Ho studiato, sono laureata in Lingue e letterature straniere con il massimo dei voti, poi ho vinto il progetto Leonardo e ho lavorato in Spagna in una casa editrice, non contenta ho fatto un master in Creazione dei mercati d’impresa, continuando a non trovare lavoro ho preso una seconda laurea in Insegnamento dell’italiano agli stranieri.

Perchè vi dico tutto questo? Perchè nonostante il mio curriculum sembri da yeah continuo a non trovare lavoro. Non ce n’è di lavoro! Direte voi…eh no…questo è il mio punto.

Quali sono i lavori che ci offrono?

Il mio grande sogno…

View original post 767 altre parole

Io c’ero, ma non è servito a niente… –


Il Vajont ed il nostro presente.

Lavorare sulla memoria , e sui suoi limiti, per capire il presente ed aprire le strade al futuro. Questo è , a mio avviso, l’insegnamento che possiamo trarre da tragedie come quella del Vajont. Non per recriminare sul perché ha potuto realizzarsi, ma per capire le ragioni intrinseche che l’hanno prodotta. In quanto scelta degli uomini e non della natura.
L’articolo che segnaliamo parla del Vajont da un punto di vista esplicito , ma pone anche un interrogativo tanto attuale quanto inquietante: come e chi e che cosa avrebbe potuto impedire quella tragedia ? Interrogativo che assume, a cinquantanni di distanza da quei fatti , un significato chiaro per il presente che stiamo vivendo: esiste un modo per chiamare le persone, oggi, ad assumere la responsabilità di impedire con il proprio comportamento che fatti simili possano accadere ? Esiste la possibilità reale di impedire che dei poteri occulti, mimetizzati dall’ abito dell’interesse pubblico che esibiscono, possano creare le condizioni per il ripetersi di fatti come quelli , minuziosamente costruiti e perseguiti in nome del profitto, come per il genocidio del Vajont ?

a66e1-tina2520merlinPerché la denuncia solitaria di Tina Merlin era rimasta inascoltata prima che la tragedia si compisse ?

L'Altra Metà del Cielo

disarmo

Posso in qualche modo considerarmi fortunata. Ho avuto una vita di “io c’ero” che sono stati tanti, anche, se non altro per il fatto di essere nata la metà del secolo scorso.
La cosa certa è che per ognuno di quei “io c’ero” avrei una miriade di riflessioni da fare. Perché chiaramente ci sono dei momenti in cui, a posteriori si può dire che ad esserci si sono raccolti bei ricordi, indimenticabili, ed altri in cui, anche se incolpevolmente, si sono raccolti sensi di colpa e responsabilità che non si potevano prevedere.
Non tutti i fatti che mi hanno vista testimone sono belli da ricordare. Mi chiedo se ricordo ancora le emozioni che mi avevano preso il 10 ottobre di 50 anni fa…
A quel tempo, poi eravamo in pochi ad avere il telefono e la televisione, ma le notizie volavano lo stesso di bocca in bocca con la velocità…

View original post 668 altre parole

Al PONTE ROSSO PRESIDIO PER LA MEMORIA . 3 ottobre 2006 / 3 ottobre 2013


Oggi , giovedì 3 ottobre 2013, la nostra Associazione organizza un Presidio in zona Ponte Rosso a Biasca per ricordare i 7 anni della tragedia che costò la vita a Laura Columberg.

Qui trovate la locandina1che annuncia l’evento, con un testo di Enrico Diener che ricorda la figura di Laura per un omaggio alla sua memoria.

laura-11.jpg

Il Municipio di Biasca ha perso ieri l’ultima occasione per dar segno di serietà rispetto alla ricorrenza di quella morte. Ha comunicato alla nostra Associazione che NON può autorizzarci a distribuire volantini sull’intero territorio di proprietà comunale con una letteralettera Municipio permessi 3 ottobreche commenteremo in seguito. Ci limitiamo per ora a sottolineare che sarebbe normale dovere del Comune dire qualcosa pubblicamente alla popolazione in questa occasione. E se l’unico , inquietante, messaggio che ci arriva dal Municipio è che deve ubbidire alla “Divisione delle costruzioni” del DT, per negarci il permesso di informare con dei volantini, significa che bisognerà aprire il problema del rapporto Comune / Cantone e del comportamento di un Municipio incapace o impossibilitato ad opporsi al volere ed ai desiderata di determinati funzionari cantonali.

Il  testo che distribuiamo oggi lo trovate qui Prescrivere i reati non cancella i fatti

Associazione Ponterosso

cp 1415

6710 Biasca

3 ottobre 2013