Diritti umani universali e diritti di cittadinanza nello Stato : quale rapporto ?


http://www.zalab.org/progetti-it/47

La discussione sul diritto di cittadinanza e sullo  ius soli  sta assumendo in Italia la funzione di una cartina di tornasole ( test ) per le diverse  posizioni politiche di destra come di sinistra . Beppe Grillo ha messo avanti le mani invocando  la necessità di un referendum, visto che in Europa questo diritto di acquisire la cittadinanza per chi nasce in un determinato Paese  non esisterebbe ( ma non è propriamente così ).Si tratta in realtà solo  di una preoccupazione elettorale, quella di non perdere il consenso di una parte importante del suo elettorato. Ma è una risposta puramente tattica, che non intende affrontare il dato di fatto che proprio i sempre crescenti problemi legati alle migrazioni di massa stanno cambiando radicalmente il rapporto tra i diritti umani definiti a livello internazionale ed i diritti di cittadinanza che i diversi Stati dovrebbero garantire. Sempre più questi ultimi entrano in contraddizione, nella prassi, con il rispetto dei primordiali diritti umani di base, e le pratiche degli organismi statali volte a proteggere gli interessi dei singoli Stati dalle minacce alla stabilità  ( che l’emigrazione di massa produrrebbe se non viene arginata con misure restrittive),  diventano sempre di più un fattore di discriminazione e un motivo che rafforza le politiche conservatrici, contraddicendo i principi stessi che dovrebbero fondare il diritto di cittadinanza. L’Europa intera è infatti ormai un campo di sperimentazione globale per questo tema, la cui soluzione appare possibile ai più solo  rafforzando i principi del diritto degli Stati-Nazione di costruire barriere e limitazioni per proteggersi dai “barbari invasori”. Tornano così a rinascere i fantasmi del passato, ed i nodi irrisolti per la  mancata definizione di nuove basi politiche per una Unione Europea obbligano, nel pieno di una crisi economica di sistema, a mettere in discussione l’idea stessa di Stato-Nazione e del diritto  fondato su di esso. Ma questo processo produce il risorgere di nazionalismi e localismi che fanno dell’idea di Stato-Nazione un motivo identitario  regressivo,  che gradualmente e forzatamente produce le condizioni pratiche per la fine dei diritti fondati sul principio di uguaglianza. La democrazia nata dalle rivoluzioni borghesi diventa così uno strumento incapace di far fronte alla nuova situazione, favorendo la nascita di nuove forme di populismo. È all’interno di questo quadro che vanno affrontati oggi temi come quello  delle nuove forme che il diritto di cittadinanza deve poter assumere per essere all’altezza dei problemi che ci stanno davanti. Ma per poterlo fare è necessario riflettere sull’idea stessa di Stato legato al concetto di Nazione, e sui motivi concreti della necessità di superarlo storicamente , pena l’impossibilità di governare i fenomeni di massa legati alla mobilità crescente di milioni di persone. Ed è in questo quadro che l’idea di poter far riferimento allo ius soli  per risolvere il problema dei diritti di cittadinanza per i figli degli immigrati in qualsiasi Paese appare propriamente come un modo obsoleto  di concepire il concetto di diritto, legato ad un passato arcaico di cui si appare incapaci di liberarsi. Su questa drammatica contraddizione del presente è necessario riflettere.

Il prossimo intervento riguarderà una riflessione sulla situazione in Svizzera, dove il popolo è chiamato fra poco a pronunciarsi su una ulteriore limitazione del diritto di asilo.

http://www.zalab.org/progetti-it/47

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...