Una lettera aperta al consigliere di Stato Marco Borradori sul caso Ponte Rosso


Il figlio di Laura Columberg. Andrea Strozzi, ha indirizzato una lettera aperta a Marco Borradori, il consigliere di Stato in carica dal 1996 e firmatario della lettera 18.12.1996 in cui il DT si opponeva al progetto di creare un’opera di premunizione sul Riale Vallone a Biasca, in zona Ponte Rosso. Borradori viene invitato a presentarsi come testimone davanti alla Procura, visti finora i vani tentativi fatti dal legale avvocato Emanuele Verda  di ottenere dal Procuratore Nicola Respini questa testimonianza del consigliere di Stato.

 

La lettera aperta di Andrea Strozzi a Marco Borradori  è visibile qui di seguito:lettera aperta a Borradori

EN MARGE Quand la Roumanie vendait ses juifs


Carrefour est-ouest, le blog de Gérard Delaloye

En tournant Juifs à vendre, le réalisateur Radu Gabrea a eu la bonne idée de se lancer dans un documentaire historique racontant la manière dont les gouvernements communistes d’après-guerre sont parvenus à se débarrasser de leurs concitoyens juifs. En les vendant à Israël en faisant jouer diverses filières, la plupart dépendant des services secrets. L’enjeu était colossal : il ne reste aujourd’hui qu’une poignée de juifs dans le pays (environ 8000) alors qu’ils étaient quelque 800000 avant la première guerre mondiale. C’est de Roumanie que sont partis vers 1880 les tout premiers militants sionistes décidés à fonder un kibboutz en Palestine. Comme ailleurs en Europe centrale, l’histoire a été dure avec les juifs : les guerres, la shoah, le racisme politique des dictatures ont détruit des communautés solidement implantées. Le film de Gabrea n’est pas un chef d’œuvre, mais il a trouvé d’excellents documents filmiques et apporte un précieux témoignage sur…

View original post 81 altre parole

LIBRI – Da qui all’infinito


OggiScienza

LIBRI – Rees1Una riflessione sul futuro della scienza: è il sottotitolo del libro, pubblicato da Codice Edizioni, che affronta le tematiche più calde della scienza di oggi, la connessione tra la scienza e la società ed esplora quelle che sono le frontiere ancora aperte della scienza.

L’idea alla base del libro è semplice: la scienza sempre di più influisce sulle nostre vite tanto che molte decisioni politiche importanti (come energia, salute e ambiente) sono a carattere scientifico. Se la scienza è riservata agli scienziati questo significa che i cittadini non possono avere accesso al dibattito che porterà i politici a prendere delle decisioni? No, secondo l’autore tali decisioni a carattere scientifico, per la loro importanza e per il fatto che le ricadute andranno a discapito o a favore di tutti (in certi casi dell’intero pianeta), devono essere frutto di un ampio dibattito pubblico. Da qui un libro che cerca di…

View original post 287 altre parole

Ponte Rosso, la Procura sotto accusa


Dopo la decisione del PP Respini di chiudere l’inchiesta con un secondo nulla di fatto, il legale avvocato Emanuele Verda invia oggi una nuova Istanza per chiedere  nuovamente

a) che sia finalmente affrontato anche il reato di inondazione e franamento finora ignorato dal PP  ,

b) che sia interrogato l’ing. Carlo Mariotta ( quale imputato ) e sentito quale testimone il Consigliere di Stato Marco Borradori per la sua funzione di  responsabile politico dei fatti del 1996, quando firmò la lettera in cui si decideva di non costruire l’opera di premunizione sul riale Vallone.

Inoltre, l’avvocato  Verda ha inoltrato un ricorso alla Corte dei reclami penali in cui chiede che il PP Respini sia censurato per violazione del diritto, accertamento inesattodenegata giustizia, considerate le sue ripetute omissioni di indagare su fatti rilevanti e comprovati.

I documenti solo leggibili integralmente qui

Reclamo alla Corte dei reclami penali   doc20130219101502

Istanza probatoria a PP Respini  doc20130215173618