ASCOLTA . Capire Auschwitz


Ogni giorno può  essere il giorno “della memoria” .

La civiltà europea ancora non ha fatto i conti con il fatto che Auschwitz c’è stato , e che le nostre società non sono in grado di spiegare la mostruosità che è accaduta. In pochi lo hanno detto, fra questi  Primo Levi e  Imre Kertész:  dopo Auschwitz niente può essere più come prima.

Non bastano oggi  i rituali annuali del “giorno della memoria”  per convincerci che abbiamo capito tutto di quella esperienza. Spesso  servono  solo ad operare ulteriori rimozioni.

entrata di Auschwitzalbum-auschwitz-img1

Primo Levi ci aveva lasciato una preghiera/poesia con ASCOLTA , dove le domande chiedevano risposte. Impariamola a memoria e cerchiamo di rispondere.

http://www.minerva.unito.it/Storia/Levi/Shema.htm

Rileggi “La zona grigia” in “I sommersi e i salvati

Il costo dei disastri naturali nel 2012


OggiScienza

Crediti immagine: Laura Pulici

AMBIENTE – Un conto da 160 miliardi di dollari, circa 122 miliardi di euro. Ecco a quanto ammontano i danni causati dai disastri naturali avvenuti in tutto il mondo nel 2012, secondo il rapporto della compagnia assicurativa Munich Re che traccia un bilancio delle perdite economiche dovute a terremoti, inondazioni, uragani e siccità.

Il 2012 si chiude meglio del 2011, anno in cui i devastanti terremoti in Giappone e Nuova Zelanda hanno fatto aumentare i danni fino a 400 miliardi di dollari. Anche in termini di vittime, nel 2012 hanno perso la vita a causa delle catastrofi naturali 9.500 persone, un numero ben inferiore alla media dell’ultimo decennio, pari a 106.000 vittime all’anno

View original post 137 altre parole