Ricordando Giorgio Gaber


Sottoscriviamo quanto dice Daniele del blog Crossing media

il rifugio delle scimmie

Il signor G è morto da 10 anni. La grande piovra dello spettacolo si affretta a diffondere i suoi oh…!, a rinnovarne la memoria. Il teatro canzone, l’ironia a bruciapelo, la critica sociale. La medaglia di anarchico come pubblico riconoscimento, a ulteriore conferma che avere tendenze anarcoidi può diventare addirittura un merito se si è popolari e già al cimitero.  Le radio e le tv trasmettono “La ballata del Cerutti”, “Torpedo blu”, “Una fetta  di limone”: Giorgio Gaber autore di canzonette.

Le passano proprio tutte, tranne questa.

View original post

2 Replies to “Ricordando Giorgio Gaber”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...