Torniamo ragionare sul Vajont –


Come  si costruisce una catastrofe  in nome del dio Mammone

e come si fanno sparire 2000 morti dalla coscienza collettiva.

Il 9 ottobre 2013 saranno passati 50 anni da una delle maggiori tragedie del dopoguerra in Europa: la frana del Monte Tòc dentro il lago artificiale  della valle del torrente Vajont, che provocò la morte di duemila persone, molti dei quali non furono mai trovati.    http://www.vajont.info/vittime.html

Parleremo nei prossimi interventi del lavoro di   Lucia Vastano   sul dopo Vajont, il capitolo più scandaloso della storia della repubblica italiana. 

Vogliamo tornare a ragionare su quanto è successo prima e dopo quei fatti :  è un compito urgente, per capire i meccanismi della comunicazione e degli occultamenti del reale  che lo sviluppo della “modernità” ha prodotto. Affinché il  50.esimo anniversario non sia solo una occasione di lacrime di coccodrillo e di fasulle commemorazioni.

Riproponiamo come fosse “in prima visione”   il lavoro più completo finora prodotto sui fatti del Vajont :  la ricostruzione in forma teatrale che l’attore Marco Paolini aveva presentato su RAI2 nel 34.esimo anniversario ( 1997 ) un lavoro fondato sulla documentazione che la giornalista e scrittrice Tina Merlin   in  Sulla pelle viva – Come si costruisce una catastrofe   aveva pubblicato vent’anni dopo i fatti, riassumendo un lungo lavoro di inchiesta, cominciato tanti anni prima.

Andate su     www.worldtv.com/ponte.rossoTV

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...