A proposito dell’inceneritore di Giubiasco. Le parole che nascondono i fatti.


Guardate questo documentario nel quale viene presentata una versione iperottimistica delle qualità dell’inceneritore di Giubiasco.

Fonte    

http://www.elettricitaperdomani.ch/videos/energia-pulita-dai-rifiuti?utm_source=nl_6

Apriamo qui un dibattito su “ quali sono le parole che nascondono  i  fatti reali ?” , soprattutto riferendoci all’intervista di Marco Borradori .

  • Prima domanda :  come è possibile definire “energia pulita l’energia elettrica prodotta dagli inceneritori ?
  • Seconda domanda : per quali ragioni  questa energia viene presentata come energia rinnovabile , quindi assimilata a quella solare o eolica ?
  • Terza domanda : perché in questo discorso non vi è il minimo accenno agli elementi inquinanti e pericolosi per la salute che l’inceneritore immette comunque  nell’atmosfera e nelle acque ( ma che per altro vengono considerati “accettabili” ) ?

INVITIAMO TUTTI GLI INTERESSATI AD INTERVENIRE NELLA DISCUSSIONE ED A PARTECIPARE AL SONDAGGIO.

Ascoltate questa intervista alla dottoressa Patrizia Gentilini:

http://www.youtube.com/watch?v=exYiYabLtEw

Guardate anche  il testo dell’interpellanza del 2007 da parte del compianto Giorgio Canonica e cofirmatari:

http://www.ti.ch/CAN/SegGC/comunicazioni/GC/interrogazioni/158.07.htm

2 Replies to “A proposito dell’inceneritore di Giubiasco. Le parole che nascondono i fatti.”

  1. Tutto questo è reso possibile dalla sparizione ufficiale dei dati sugli elementi inquinanti che l’inceneritore genera. I dati vengono manipolati e ricondotti ad una pericolosità quasi nulla, considerato che i vari livelli di rischio accettabile sono fissati in modo da rendere “normale” l’operazione di inquinamento prodotta. Si aggiunga che non esiste alcun serio esame dei dati sui tumori nella zona che siano domani confrontabili con la situazione che avremo fra 10 – 20 anni. Se i dati ci sono, vengono messi sotto chiave. È un atteggiamento tipico , che si è ripetuto ovunque questo problema si è presentato. Per tornare a riflettere su questo da parte della popolazione è necessario rendere pubblici e diffondere al massimo i risultati di analisi fatte in altri casi di inceneritori, in altri paesi europei.

  2. Oggi le parole possono sostituire i contenuti reali e cambiare il senso ai fatti. Borradori è un bell’esempio di come si fa ad attribuire una affermazione falsa ad un fatto vero, tirando fuori dal suo cilindro dell’energia PULITA da un inceneritore che , per poter produrre anche energia deve necessariamente immettere nell’atmosfera polveri fini contenente diossina, ecc. . Queste polveri fini ( invisibili ) sono una delle principali cause di tumori. Nelle aree vicine a tutti gli inceneritori questo è stato documentato. Ma qui l’uso della parola PULITA fa sparire questi fatti, anche perché uno si dice che, sì, l’energia elettrica che viene alla fine prodottà è “pulita”, proprio perché è … energia elettrica …! Se poi definiamo anche i rifiuti come fonte di energia RINNOVABILE il gioco sembra fatto. Guardando i dati che il doc. di Elettricitàperdomani diffonde, vediamo infatti che la parte di energia prodotta dai rifiuti in CH è molto alta, e definirla RINNOVABILE ha l’apparenza della verità. Dunque …
    Riflettiamo su questo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...